I Terreni

I terreni su cui lavoro sono un blend straordinario per la quantità di elementi che lo compongono, ma è necessario farsi una lunga esperienza se si vogliono ottenere vini di alta qualità.
La principale componente è senza dubbio l’argilla bianca: è molto compatta e questo è il principale motivo di difficoltà per la coltivazione di vigneti a San Miniato.

Ma gli altri strati geologici che compongono questi terreni sono quanto di più vario si potrebbe desiderare, e per giunta sono molto sottili fra loro e principalmente composti da tutta una serie di fossili di origine marina di età pliocenica e Arenaria.

Quindi conchiglie di ogni dimensione ed in quantità tali da costituire in alcuni casi lo scheletro vero e proprio dei terreni, sabbie dalle più fini alle più pesanti e disposte in strati sottili ediversi fra loro per sapidità e fertilità man mano che
si scende in profondità.

Per questo motivo le piante, per ottenere i migliori risultati, hanno bisogno di diversi anni per spingere le radici in queste profondità e quindi nutrirsi di una linfa grezza che sia il più possibile complessa.